Che cosa è una buona pratica per un'unità di autismo?

Sulla base della definizione normativa di Donabedian (2003) delle migliori o delle buone pratiche, Parsons et al (2011) suggeriscono che una buona pratica viene disegnata '... sia dalla conoscenza diretta della letteratura scientifica e dei suoi risultati, sia dalle opinioni concordate degli esperti e leader, un'opinione presumibilmente basata sulla conoscenza della letteratura pertinente e sull'esperienza clinica "(p.62). Pertanto, le migliori pratiche si basano su accumuli di prove da entrambi i filoni empirici e esperti.

Per lo scopo del sito Web www.AutismUnits.eu, chiediamo ai contributori di formulare le loro buone pratiche in modo che, con qualsiasi altra unità di autismo, con le procedure e i documenti disponibili, sia possibile eseguire le migliori pratiche e adattarle alla loro particolare situazione e contesto . Pertanto, la buona pratica dovrebbe essere presentata in modo chiaro e concreto, specificando l'obiettivo e tutti i passi necessari per la sua attuazione, indicando le risorse necessarie da utilizzare, le azioni da sviluppare, le difficoltà riscontrate durante l'attuazione, la lezione imparato e il sistema di valutazione (indicatori di successo della pratica).

L'utilizzo di questo sito costituisce l'accettazione del nostro contratto di utilizzo (efficace 3 / 21 / 12) e delle norme sulla privacy (3 / 21 / 12 efficace).
I tuoi diritti di privacy. Il materiale presente in questo sito non può essere riprodotto, distribuito, trasmesso, memorizzato in cache o altrimenti utilizzato, tranne che con l'autorizzazione scritta di Autism Units.
Nessuna connessione internet